home_charity2_sep4

Articolo 1125 codice civile | attenzione alla ripartizione delle spese


Parliamo dell’articolo 1125 codice civile perché al giorno d’oggi si fa ancora tanta confusione, soprattutto nei condomini, su quella che effettivamente dovrà essere la ripartizione spese più giusta; la legge ad oggi sembra essere molto chiara se parliamo di balconi aggettanti, ma è pur vero che andrebbe interpretata al meglio per evitare di commettere alcuni errori.

Questo articolo prevede che le spese di manutenzione e chiaramente anche relative alla ricostruzione di soffitti e solai, ad esempio, dovranno essere sostenute in parti uguali dai proprietari dei piani interessati; questo significa che il proprietario del piano superiore si occuperà delle spese relative al pavimento, mentre il proprietario del piano inferiore si farà carico del costo relativo all’intonaco, così come anche della sua tinteggiatura.

I parapetti balconi, quindi vanno considerati con tutte le dovute attenzioni, ecco perché ti consigliamo di rivolgerti ad un esperto in materia, che sicuramente riuscirà a darti tutte le delucidazioni di cui hai bisogno, ad ogni modo l’articolo 1125 del codice civile varia in base alle differenti situazioni, prendiamo ad esempio un balcone aggettante che sporge dalla facciata dell’edificio, in questo caso, l’intervento di rifacimento balconi fa riferimento ad un vero e proprio prolungamento dell’appartamento di provenienza.

Capirai quindi che non stiamo parlando di un elemento che ha la funzione di sostegno, motivo per cui il suddetto balcone aggettante rientra di diritto nella proprietà esclusiva del titolare dell’appartamento, il quale dovrà prendersi carico di tutte le spese.

lastrico-solare-articolo-1125

Questa ovviamente era un’ipotesi, devi comprendere che la ripartizione spese terrazzo non sempre la si può applicare con i condomini coinvolti, sarebbe stato ben diverso se avessimo parlato di terrazze a livello, che a loro volta sono praticamente incassate nella struttura di tutto l’edificio, qui chiaramente l’elemento chiave si caratterizzava per la sua funzione di sostegno.

Stesso discorso andrebbe fatto anche con i frontalini balconi, ma ad ogni modo, le condizioni possono variare, soprattutto se avremo a che fare con un condominio, in questo caso, infatti, come già affermato in precedenza, i balconi aggettanti rappresentano un vero e proprio prolungamento dell’immobile, di conseguenza potrà considerare, come beni comuni, solo i rivestimenti e magari anche qualche elemento decorativo posto frontalmente ed inferiormente, a patto che questo abbia come obiettivo primario quello di migliorare il condominio da un punto di vista estetico.


Ripartizione spese lastrico solare, facciamo subito chiarezza


Lastrico solare definizione:

Per legge i lastrici solari devono essere intesi come la superficie terminale di un edificio, il cui obiettivo sarà necessariamente quello di fungere da copertura, comprendendo ogni elemento, che in alcuni casi potrebbe essere anche solo ed esclusivamente accessorio come la pavimentazione.

Bisogna però imparare a distinguere le diverse situazioni, infatti, non tutto quello che si trova sul lastrico può essere considerato come una vera e propria parte integrante dello stesso; la legge è molto chiara, ma come sempre bisogna comprenderla al meglio in base alle situazioni vissute e noi del Gruppo Casillo Ingegneria, con sede a Napoli e Roma, abbiamo molta esperienza a riguardo.

Lastrico solare ripartizione spese:

Valutiamo adesso alcuni casi, tenendo ben a mente che i balconi condominio non sono certo tutti uguali, come già detto più volte in precedenza, cambiano le situazioni, motivo per cui è fondamentale prestare la massima attenzione per evitare di infrangere la legge.

Se il lastricato in questione presenta anche un parapetto, capirai tu stesso che esso ricopre automaticamente diverse funzioni e non solo quella di copertura per l’edificio in questione, motivo per cui secondo le regole condominiali balconi, se questi sono di uso comune, tutti dovranno partecipare alle spese.

Il discorso cambierebbe con un lastrico solare di proprietà esclusiva, al contrario, se questo interessa solo una parte dell’intero edificio, le spese dovranno essere sostenute dai condomini interessati, ovvero da coloro che ne riescono ad ottenere un vantaggio reale, tangibile, considerando che un terrazzo, così come anche un balcone incassato, specie se di grandi dimensioni, non funge solo da copertura ma offre persino l’opportunità di accedervi per usi differenti.

Questo significa che al di la della ripartizione spese balconi, in caso di danni lo scenario sarà molto chiaro, infatti, tutto il condominio, o quello parziale avrà piena responsabilità per danni, motivo per cui le persone interessate dovranno partecipare alle spese.


Cosa succede con un frontalino balcone e lastrico solare non comune?


Il terrazzo di copertura andrà analizzato al meglio, semplicemente perché quando parliamo di balconi condominiali, non tutti saranno responsabili di eventuali danni, ecco perché molto spesso nascono all’interno di un condominio, problemi di notevole entità.

Il rifacimento lastrico solare è pur sempre un lavoro che noi del Gruppo Casillo Ingegneria possiamo offrirti senza particolari problemi, dovrai però contattarci, spiegarci la situazione e solo in quel momento il nostro team di esperti sarà finalmente pronto ad offrirti tutto il suo supporto.

La manutenzione balconi è fondamentale, soprattutto se parliamo di edifici antichi, capirai bene che con il passare degli anni e l’azione mirata degli agenti atmosferici, qualcosa andrà rivista, al fine di assicurare che la struttura non vada incontro a possibili cedimenti nel tempo; stesso discorso vale chiaramente anche per il rifacimento solaio, operazione spesso complementare, che tu stesso dovrai prima o poi tenere in considerazione.

Se facciamo riferimento al lastrico solare ad uso esclusivo, invece, ci riferiamo ad una parte dello stesso che non non è in comune con gli altri condomini, il che significa che coloro che ne possono vantare un uso esclusivo sono tenuti a contribuire alle spese, che si parli di riparazioni oppure interventi di ricostruzione; in tal caso un terzo della spesa complessiva sarà a carico loro, mentre i 2 terzi restanti saranno a carico degli altri condomini.

Le spese lastrico solare vanno rispettate e possono far parte del rifacimento balconi condominio, motivo per cui sarà fondamentale potersi consultare con un esperto dal momento in cui ti sentirai confuso ed avrai bisogno di consigli in merito; in un possibile intervento di ristrutturazione balconi devi considerare che secondo la cassazione, tra i lastrici solari di uso esclusivo possono rientrare anche le terrazze a livello, dove la funzione principale sarà pur sempre quella di copertura.

home_charity2_sep4

Analizzando al meglio l’Articolo 1125 codice civile, capirai tu stesso quali sono

le effettive differenze tra i lastrici solari, ed una corretta ripartizione spese.


Chiama il nostro numero verde e fissa un sopralluogo gratuito con un nostro ingegnere o architetto

   Il preventivo, la consulenza operativa e la progettazione iniziale sono assolutamente gratuiti.

 

numeroverde-gcingegneria